• +39 02 67078247
  • info@vistoturisticocina.com

Lettera di invito per ingresso stranieri in Italia dalla Cina

Lettera di invito per ingresso stranieri in Italia dalla Cina

Lettera di invito per ingresso cinese in Italia con assicurazione sanitaria e fideiussione bancaria per visto turistico obbligatoria e altra documentazione utile per richiedere il Visto Schengen.

Premessa
Se inviti in Italia per visita privata un amico o un parente esempio (genitore o sorella) che vive in Cina, il visto Schengen lo puoi richiedere per un periodo massimo fino a 90 giorni di permanenza come indicato dalla legge sia sotto forma di visto singola entrata oppure multi entrata.

Con questa procedura sei tu cittadino italiano o cinese che vivi in Italia che prepari la Lettera di invito per ingresso cinese in Italia e parte della documentazione necessaria per la richiesta di visto di ingresso per l’Italia.

Con questa procedura sei tu cittadino italiano o cinese che vivi in Italia che prepari, parte della documentazione necessaria per la richiesta di visto per l’Italia.

In questa Guida trovi tutte le informazioni necessarie per muoverti con sicurezza e quindi iniziamo a capire come fare una corretta richiesta di Visto Turistico Cina e cosa fare quando il tuo ospite arriva in Italia.

Ma andiamo per ordine, che documenti servono per fare entrare in Italia un cittadino cinese?

Ecco in basso quelli che noi richiediamo come agenzia visti per istruire una pratica perfetta compilando correttamente la lettera di invito per ingresso cinese in Italia :

INVITANTE IN ITALIA: Documenti anagrafici

  • Copia Permesso di Soggiorno solo se l’invito in Italia viene fatto da un cittadino straniero
  • Copia Carta Identità della persona di chi fa l’invito oppure se scaduta copia passaporto o patente italiana e Copia Codice fiscale

INVITANTE IN ITALIA: Documento di Reddito

  • Se (lavoratore dipendente) Ultima busta paga oppure in alternativa ultima Certificazione Unica, se (lavoratore autonomo) Modello Unico oppure se (lavoratore domestico) Bollettini Inps.
  • Indicare il periodo di soggiorno in Italia del Vostro ospite nella mail d’ordine (Serve la data che deve arrivare in Italia e la data di partenza dall’Italia o Paesi Schengen).

Raccomandiamo ai nostri clienti di fare la richiesta di visto per l’Italia con anticipo minimo di 4 mesi rispetto alla data di partenza al fine di evitare che poi non è possibile prenotare l’appuntamento all’ambasciata italiana per la richiesta del visto.

OSPITE CHE ARRIVA DALL’ESTERO IN ITALIA

PASSAPORTO LEGGIBILE: Serve Copia passaporto dello straniero invitato in Italia a pagina intera solo la pagina dove c’è la foto compresa la parte superiore e fornire l’indirizzo di residenza all’estero, numero di telefono e professione attuale.

Tutti i seguenti documenti bisogna inviarli scansionati via e-mail a noi alla seguente mail info@vistoturisticocina.com, solo dopo la nostra verifica da parte del nostro consulente e accettazione si procede al pagamento.

Quali documenti mi preparate poi?

Quando la documentazione viene da noi visionata prepareremo:

  • Domanda di visto per la presentazione della richiesta del visto ambasciata italiana in Cina;
  • Appuntamento presso l’Ambasciata italiana/centro visti all’estero;
  • Emissione della polizza sanitaria e fideiussoria per ingresso stranieri;
  • Compilazione della lettera di invito per ingresso stranieri o dichiarazione di ospitalità;
  • Check list di documenti che il vostro ospite all’estero deve aggiungere quando presenterà la pratica all’ambasciata italiana o centro visti Cina;
  • Prenotazione volo aereo a/r Cina-Italia o Area Schengen;
  • Spedizione documenti a domicilio in Italia e all’estero al suo ospite;

Appena ricevi i documenti, firma tutte le copie alla voce “IL CONTRAENTE”.
Trattieni una copia per te, una copia la invii al tuo ospite per esibirla all’ambasciata italiana in Cina e una copia la invii a noi.

Arrivo in Italia perché serve fare la dichiarazione di presenza ?

Appena il tuo ospite arriva in Italia verifica che, se arriva da Stati non Schengen, il timbro che la polizia di frontiera appone sul passaporto/visto vale come dichiarazione di presenza.
Se la persona è ospitata in una casa privata, entro 48 ore deve essere data comunicazione alla Polizia (legge antiterrorismo).
Mentre se la persona viene ospitata in hotel, nessun problema perché l’hotel procede a segnalare alla polizia.

Assistenza Clienti
Per qualsiasi dubbio o chiarimento non esitate a contattarci oppure per ulteriori faq visita il nostro sito: https://vistoturistico.eu/vistoincoming .

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi