• +39 02 67078247
  • info@vistoturisticocina.com

Info ed utili

Visto per cittadini cinesi

Visto per stranieri con permesso di soggiorno cinese

News del 12/08/2020

A causa della rapida diffusione del Covid-19 in tutto il mondo, a partire dal 28 marzo il governo cinese  ha sospeso temporaneamente l’ingresso nel territorio cinese per gli stranieri con visto e permesso di soggiorno valido.

Tuttavia per gli stranieri con urgenti necessità economiche, commerciali, scientifiche e tecnologiche o con esigenze umanitarie è stato comunque garantito il servizio di rilascio dei visti.

In quanto la prevenzione e il controllo di COVID-19 diventano regolari, al fine di facilitare gli scambi tra i paesi, la Cina decide che, a partire dal giorno odierno, i cittadini dei seguenti paesi europei (elenco allegato) con permessi di soggiorno cinesi validi (per motivi di lavoro, affari personali e ricongiungimento familiare) potranno richiedere un visto per l’ingresso in Cina gratuitamente presso qualsiasi ambasciata o consolato cinese accreditato nei paesi elencati(tramite i centri visti).

Per i suddetti sarà comunque necessario seguire le norme anti-epidemiche del governo locale cinese previste dopo l’ingresso.

Elenco dei paesi europei in cui sarà possibile la richiesta:

Albania, Irlanda, Estonia, Austria, Bulgaria, Macedonia del Nord, Belgio, Islanda, Bosnia ed Erzegovina, Polonia, Danimarca, Germania, Francia, Finlandia, Paesi Bassi, Montenegro, Repubblica Ceca, Croazia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Romania, Malta, Norvegia, Portogallo, Svezia, Svizzera, Serbia,Cipro, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Grecia, Ungheria, Italia, Regno Unito.

Coronavirus news 13/03/2020

COVID-19 per viaggio in Cina ultimi aggiornamenti 13/03/2020

Con effetto immediato, le persone che hanno vissuto o viaggiato in Corea del Sud, Italia, Iran, Giappone, Francia, Spagna, Germania e Stati Uniti nei 14 giorni precedenti il ​​loro arrivo a Shanghai devono sottoporsi a una quarantena di 14 giorni a casa o presso il posti.

A Shanghai, i talenti stranieri di alto livello di età superiore ai 65 anni sono esonerati dal presentare la polizza assicurativa, l’impegno per l’assicurazione e la lettera di impegno da parte di tre parti mentre fanno domanda per il permesso di lavoro a Shanghai.

I tempi di elaborazione per la cancellazione del permesso di lavoro a Shanghai saranno ridotti da 10 giorni lavorativi a 3 giorni lavorativi.

A Shanghai, la firma elettronica sulla lettera di licenziamento o le e-mail nonché i messaggi WeChat possono essere accettati come prove a sostegno della risoluzione del rapporto di lavoro tra il datore di lavoro cinese e un dipendente straniero durante il periodo di controllo dell’epidemia.

Mentre rinnova il permesso di lavoro a Shanghai, l’autorità accetta le prove di pagamento fiscale caricate online dal datore di lavoro cinese.

Il dipendente straniero (che in precedenza aveva assunto l’impegno sulla retribuzione / IIT) non ha bisogno di rivolgersi all’autorità fiscale per ottenere una stampa del loro registro dei pagamenti fiscali, che era stato precedentemente richiesto dall’autorità SAFEA.

A Shanghai, i requisiti relativi all’impegno salariale / IIT saranno allentati in misura ragionevole, mentre i dipendenti stranieri (che hanno assunto l’impegno di cui sopra) rinnovano il permesso di lavoro durante il periodo di controllo dell’epidemia (provvisoriamente da febbraio ad aprile).

I dipendenti stranieri a Shanghai sono autorizzati a presentare la domanda online per il rinnovo del permesso di lavoro prima della data di scadenza durante questo periodo di controllo dell’epidemia. In precedenza, tale domanda di rinnovo deve essere presentata online 30 giorni prima della data di scadenza.

I cittadini stranieri a Shanghai i cui visti o permessi di soggiorno sono scaduti e che non sono in grado di uscire dalla Cina durante il periodo di controllo dell’epidemia, possono ottenere il visto o il permesso di soggiorno automaticamente prorogati per altri due mesi (dalla NIA). Sono autorizzati a richiedere un permesso di lavoro durante il suddetto periodo prolungato.

Tutte le domande di visto cinesi a Singapore devono essere supportate da informazioni supplementari sulla storia dei viaggi del richiedente e da una dichiarazione sanitaria.

Al momento, ad eccezione della chiusura del canale di uscita nei porti di Wuhan, tutte le agenzie di visti portuali funzionano normalmente.

Il transito senza visto per gli stranieri è ancora efficace e tutti i porti terrestri, marittimi e aerei della Cina funzionano.

I cittadini stranieri e della Cina continentale possono entrare o uscire come al solito con i loro documenti di viaggio internazionali validi, sebbene molti altri paesi abbiano adottato restrizioni di ingresso per i viaggiatori provenienti dalla Cina continentale (vedi sotto).

I cittadini stranieri che si recano in Cina per lavorare sono fortemente incoraggiati ad entrare con un visto Z (lavoro) dopo aver ottenuto la lettera di notifica del permesso di lavoro, piuttosto che cercare di ottenere la lettera di notifica del permesso di lavoro mentre si trovano in Cina per lavoro (M) o visto turistico (L).

Coloro che non riescono ad entrare in Cina entro la validità del loro visto Z a causa del COVID-19 possono entrare in Cina con un altro tipo di visto. Il datore di lavoro cinese dovrebbe fornire una dichiarazione esplicativa a sostegno dell’uso di un visto alternativo.

Le autorità cinesi per l’immigrazione esenteranno i cittadini stranieri i cui visti temporanei o permessi di soggiorno scadono durante questo periodo di interruzione delle sanzioni o imporranno sanzioni più leggere, a seconda delle circostanze.

I titolari di avalli valide a Hong Kong, Macao o Taiwan che sono colpiti dall’epidemia e non riescono a entrare nei suddetti posti entro il periodo di validità possono richiedere nuovamente certificati dello stesso tipo e periodo di validità gratuitamente al termine dell’epidemia.

Le autorità del lavoro di Shanghai hanno sospeso la presentazione di documenti fisici per le domande di permesso di lavoro (inclusi iniziale, rinnovo, trasferimento e cancellazione).

Al contrario, tutte le domande verranno elaborate online solo durante questo periodo, con una lettera di impegno fornita dal datore di lavoro cinese.

La lettera di impegno dovrebbe affermare l’autenticità e la validità della loro presentazione online e i documenti originali dovrebbero essere conservati per un ulteriore controllo. Una pratica online simile è stata adottata in altre regioni della Cina, come Pechino, Zhejiang e Guangdong.

Le autorità di immigrazione di Shanghai richiedono ai candidati che sono entrati direttamente a Shanghai di condurre un autoisolamento di 7 giorni e quelli che sono entrati a Shanghai attraverso un’altra città cinese per sottoporsi a un autoisolamento di 14 giorni, prima di sostenere il colloquio con il visto.

Si consiglia ai cittadini stranieri di non tentare di tornare o entrare a Shanghai da Hubei e altre province colpite. Se lo fanno e hanno successo, dovranno autoisolarsi per 14 giorni.

Il Centro medico internazionale di viaggio di Shanghai e le autorità equivalenti di altre città hanno il potere discrezionale di consentire o rifiutare ai cittadini stranieri di sottoporsi a una visita medica basata sul loro ingresso, residenza, viaggio e altri documenti.

Sopratutto a Pechino, le autorità per l’immigrazione chiedono a tutti i cittadini stranieri e cinesi di non presentare urgentemente la domanda di visto / soggiorno / permesso di soggiorno di persona.

Coloro che richiedono assistenza urgente con le domande sono incoraggiati a prenotare in anticipo gli appuntamenti. Come accennato in precedenza, Pechino ha adottato una procedura di presentazione e lettera di impegno online per il rinnovo e la cancellazione dei permessi di lavoro.

Nel frattempo a Shenzhen, le autorità di immigrazione hanno aperto canali verdi per le domande accelerate per le emergenze e le richieste urgenti. Le autorità hanno anche implementato altre misure convenienti per facilitare le domande di visto per coloro che rimangono a Shenzhen durante questo periodo di epidemia.

In basso vi forniamo una serie di siti utili che vi consigliamo di consultare dove ci sono sempre molte informazioni aggiornate sull coronavirus  e per altri argomenti come:

  1. News come viaggiare in maniera responsabile verso la destinazione prescelta
  2. Informazioni sanitarie presenti nel mondo
  3. Farnesina per tutelare gli italiani in caso di crisi all’estero

Il World Travel and Tourism Council https://www.wttc.org/travel-advice/ è un sito dove ci sono diverse informazioni attendibili su come viaggiare responsabilmente in questo periodo.  


L’Organizzazione Mondiale della Sanità aggiorna costantemente notizie sul virus o informazioni sanitarie nel mondo clicca sul seguente link https://www.who.int/news-room/headlines .  

Il Ministero degli Affari Esteri e della cooperazione internazionale aggiornato regolarmente per informazioni utili cosa fare prima di partire o durante il viaggio clicca sul seguente link  http://www.viaggiaresicuri.it/

Evisa Russia

Come ottenere visto elettronico per la Russia

Procedura semplificata per la richiesta di E-visa online per la Russia per entrare solo in alcune delle principali città turistiche della Russia.

Step 1 Format da scaricare e compilare
Scarica il format e invia la domanda via mail a ordini@vistoturistico.it , insieme al passaporto la solo la pagina dove ci sono i vostri dati e una fototessera a colori. Un esperto controllerà la domanda e solo successivamente pagherete il servizio di assistenza

Prenota online con noi, in 3 step il servizio per ottenere il visto elettronico e l’assicurazione viaggi obbligatoria, guarda all’interno del modulo i costi sia per ottenere il visto per la Russia che la polizza assicurativa .

Step 2Controllo domanda visto Russia e emissione polizza Viaggi
Un consulente per i visti Russia prepara subito per voi l’autorizzazione del Visto elettronico per la Russia e Assicurazione viaggio Russia obbligatoria

Step 3Inoltro E-visa Russia
Ricevi via mail il visto elettronico per la Russia, stampate l’E-visa Russia e presentalo al check-in all’aeroporto.

Con l’E-visa Russia da dove è possibile entrare in Russia?
Con il visto elettronico è possibile entrare a Kaliningrad, San Pietroburgo e alla Regione di Leningrado è permesso ai cittadini di oltre 50 paesi inclusa l’Italia, clicca sul seguente link per vedere le faq: https://vistoturistico.eu/faqpag-5005-Russia-visto-elettronico-russia-per-ingresso-san-pietroburgo-e-leningrado


Voglio ottenere un visto elettronico per Mosca è possibile ottenerlo?
Attualmente il visto elettronico per Mosca non è possibile richiederlo, ma possiamo occuparci di fare il visto Russia presso i consolati della Russia in Italia scopri come ottenerlo:https://vistoturistico.eu/faqpag-4989-visto-turistico-per-la-russia-documenti-e-quanto-costa-il-visto-per-russia

Quanto dura visto elettronico Russia per ingresso San Pietroburgo?
Il visto elettronico per Kaliningrad, San Pietroburgo e alla Regione di Leningrado viene emesso con validità di 30 giorni dalla data di rilascio ma attenzione che la permanenza in queste città è di massimo 8 giorni.

Quali tipi di e-visa Russia è possibile richiedere?
Il visto elettronico può essere per motivi di affari, turistico oppure umanitario (scopo della visita sono relazioni di tipo sportivo, culturale e tecnico-scientifiche).

Per ulteriori informazioni può sempre inviare una mail alla nostra agenzia visti Milano al seguente contatto: info@vistoturistico.eu.

Chiusura consolato Cinese

Festa nazionale Cinese 2019 chiusura Consolato Cina

Festa nazionale Cinese ottobre 2019 chiusura consolato cina Milano e Roma, si comunica ai gentili richiedenti che in occasione della Festa Nazionale cinese, il Consolato Generale della Repubblica Popolare Cinese di Milano sarà chiuso provvisoriamente nelle seguenti date dal 01/10/2019 al 7/10/2019.
Il Centro Visti per la Cina resterà chiuso soltanto a giorni limitati, partendo dal giorno 1/10/2019 al 4/10/2019, tuttavia questo provocherà negli altri giorni che vi saranno alcune variazioni nelle tempistiche di riconsegna dei passaporti.

Per tutti i nostri clienti che devono richiedere un visto per la Cina, suggeriamo di fare la richiesta prima delle date sotto indicate, per evitare poi di pagare i diritti consolari urgenti oppure avere dei problemi per il viaggio in Cina di cambio dei ticket aerei già prenotati.

Si riporta qui di seguito il calendario delle procedure di rilascio visto con le rispettive date di riconsegna dei passaporti:

Avviso per la Festa Nazionale Cinese 2019

Chiusure consolato Cina in Italia anno 2019 calendario delle festività del 2019:

Capodanno chiuso il 1 gennaio
Epifania chiuso il 6 gennaio
Lunedi’ di Pasqua chiuso il 22 aprile
Giorno della liberazione chiuso il 25 aprile
Giorno lavorativo chiuso il 1 maggio
Festa della Repubblica chiuso il 2 giugno
Agosto chiuso il 15 agosto
Giorno di Ognissanti chiuso il 1 novembre
Sant’Ambrogio chiuso il 7 dicembre a Milano
Giorno dell’Immacolata Concezione chiuso il 8 dicembre
Giorno di Natale chiuso il 25 dicembre
Festa di San Stefano chiuso il 26 dicembre

tabella dei diritti consolari per la Cina

Visto per la Cina costo dei diritti consolari

È molto importante quando si richiede il visto per la Cina, notare che la tabella per i costi dei diritti consolari Cina, i costi consolari variano in base a 3 fattori come per esempio al tipo di passaporto che si viaggia vedi elenco:

  1. Cittadino Schengen       
  2. Cittadino degli Stati Uniti           
  3. Cittadino canadese        
  4. Cittadino rumeno
  5. Cittadino di un paese terzo

e poi in base al servizio scelto di richiesta visto per la Cina:

  1. Visto Cina tempi di rilascio visto con Procedura REGULAR

Tempi di consegna Cvasc passaporto con il visto per Cina entro il 4 giorno lavorativo.

  • Visto Cina tempi di rilascio visto con Procedura EXPRESS 2

Tempi di consegna passaporto Chinese visa application service center con il visto per la Cina entro il 3 giorno lavorativo

  • Visto Cina tempi di rilascio visto con Procedura Express 1

Tempi di consegna chinese visa application service center, passaporto con il visto Cina online entro il 2 giorno lavorativo

E al Numero di ingressi sempre in base al tipo di nazionalità del viaggiatore:

  • Entrata singola
  • Doppia entrata
  • Multi entrata 6 mesi
  • Multi entrata 12 mesi

Nota bene che i cittadini facenti parte dei Paesi Schengen sono:

  1. Austria
  2. Belgio
  3. Cechia
  4. Danimarca
  5. Estonia
  6. Finlandia
  7. Francia
  8. Germania
  9. Grecia
  10. Islanda
  11. Italia
  12. Lettonia
  13. Liechtenstein
  14. Lituania
  15. Lussemburgo
  16. Malta
  17. Norvegia
  18. Paesi Bassi
  19. Polonia
  20. Portogallo
  21. Slovacchia
  22. Slovenia
  23. Spagna
  24. Svezia
  25. Ungheria
  26. Svizzera

Ecco in basso costo visto Cina diviso per richiesta individuale o di gruppo.

Tabella dei diritti consolari Repubblica Popolare cinese

Per evitare di pagare diritti consolari elevati consigliamo di richiedere il visto per la Cina almeno un mese prima della data di partenza.

Per la scelta del visto, documenti necessari e preventivo clicca sul link: https://vistoturisticocina.com/elenco-visti-per-entrare-in-cina/

Se vuole scoprire ulteriori informazioni,abbiamo messo online diverse faq per i visti Cina basta cliccare sul seguente link: https://vistoturistico.eu/faq-FAQ-Visto-per-viaggi-Esteri&nazione=Cina

Validità passaporto per viaggio in Cina

Validità del passaporto per richiesta visto Cina?

In primo luogo riepiloghiamo quale deve essere la validità del passaporto prima di richiedere i visto di entrata in Cina per la richiesta di:

  • Visto Cina singola entrata
  • Visto Cina multi entrata 6 mesi
  • Visto Cina multi entrata 1 anno

La validità del passaporto in possesso per la richiesta del visto Cina singola entrata, deve essere valido almeno 6 mesi dopo il viaggio di ritorno.

Se invece si richiede un visto per la Cina multiplo di 6 mesi il passaporto deve avere una validità di 365 giorni invece se dovete richiede un visto per la Cina annuale multi-entrata il passaporto deve essere valido 1 anno e 6 mesi.

Nel visto Cina cosa significa validità visto, numero di ingressi e permanenza?

Vediamo in dettaglio cosa significano queste 3 voci che sono scritte nel visto Cina:

  1. Validità visto per la Cina
  2. Numero di ingressi in Cina
  3. Permanenza in Cina

Validità visto Cina significa, il periodo che il possessore del visa China, può nell’arco di tempo concesso entrare nella Repubblica popolare cinese.

La validità del visto si riferisce quindi al periodo.

Per esempio, se vi è stato concesso un visto multi-entrata dal 01/01/2020 al 31/12/2020, per l’intestatario del visto per la Cina questo indicato è la validità per l’ingresso in Cina.

Facendo l’esempio di sopra significa che il visto ha validità per un anno, inizia il 01/01/2020 e termina il 31/12/2020 attenzione che se nella validità non viene utilizzato alla scadenza non si può più entrare, anche se le entrate concesso sono come visto doppio ingresso o multiplo non tutte sono state utilizzate.

Quindi è molto importante che il viaggiatore legga bene prima di partire per la Cina qual’è ancora la sua validità del visto.

Numero di ingressi in Cina, rappresenta invece il numero di ingressi che il titolare del visto è autorizzato a entrare nella repubblica popolare cinese in base al periodo di validità del visto stesso.

Quindi se io ho ottenuto un visto turistico Cina doppio ingresso dal 01/01/2020 al 30/03/2020,è sono già entrato 2 volte in Cina  il 02/01/2020 e il 01/02/2020 è voglio in data 28/02/2020 rientrare, non è possibile anche se il visto turistico Cina L  ha validità fino al 30/03/2020, perché una volta che tutte le entrate sono state già effettuate il visto cessa di essere valido.

Permanenza in Cina fa riferimento al numero di giorni massimo che si può soggiornare in Cina.

Ricordiamo che il visto di entrata in Cina, è valido dal giorno del suo rilascio e in base al numero di entrate concesse, quindi nel caso vi accorgete che è scaduto, potete richiedere il visto per la Cina cliccando nel seguente link: https://vistoturisticocina.com/elenco-visti-per-entrare-in-cina/.

ssn per studenti stranieri

Il Servizio sanitario per studenti stranieri come funziona in Italia

ssn per studenti stranieriGli studenti stranieri in Italia come possono iscriversi al Servizio Sanitario Nazionale una volta ottenuto il permesso di soggiorno per motivi di studio come faccio ad avere l’assistenza sanitaria in Italia?
In Italia l’assistenza sanitaria è garantita dalla (SSN) Servizio Sanitario Nazionale.
Per i cittadini stranieri residenti in Italia con un permesso di soggiorno per motivi di studio, la registrazione per il SSN non è automatico.
Ai sensi dell’art. 34 del D.Lgs. 286/98, i cittadini stranieri residenti in Italia per motivi di studio dovrebbe fornire una polizza assicurativa valida nel Paese, con un istituto italiano o straniero, che garantisce la copertura dei rischi di malattia, infortunio e maternità .
In alternativa, gli studenti stranieri possono iscriversi volontariamente al Servizio Nazionale della Sanità il pagamento del Contributo annuale richiesto, attraverso un conto postale o F24 per regione o provincia autonoma in cui sono residenti o domiciliati.
Tenete presente che l’iscrizione volontaria al SSN è valida per un anno solare (dal 1 gennaio al 31 dicembre).

D’altra parte, se lo studente straniero ha familiari a carico regolarmente soggiornanti in Italia (ad esempio, donna o bambino), l’importo sarà calcolato in base al reddito e avrà un valore minimo di € 387,34.
Tutti i cittadini registrati con il SSN possono accedere ai servizi di assistenza sanitaria e di salute con il pagamento del Contributo annuale.
In caso di  cambio di indirizzo il richiedente deve segnalarlo alla ASL di competenza , al fine di garantire la copertura di tutti i rischi per la salute nel nuovo indirizzo di residenza.

Quali documenti devono presentare gli studenti stranieri in Italia per la registrazione con il SSN?

I documenti che gli studenti stranieri devono presentare alla ASL per la registrazione volontaria  al SSN sono:
1. Passaporto
2. Permesso di soggiorno valido
3. Codice Fiscale
4. Certificato di iscrizione al corso di studio

visto per la Cina

Massimale per fare fideiussione bancaria visto turistico Cina

Il massimale della fideiussione bancaria per visto turistico Cina da garantire per fare una pratica di visto Schengen vedi tabella indicata:

Classi di durata del viaggioUn partecipante406090180365
Classi di durata del viaggioUn partecipante406090180365
Da 1 a 5 giorni: quota fissa complessiva€ 269,60     
Da 6 a 10 giorni: quota a persona giornaliera€ 44,93     
Da 11 a 20 giorni: quota fissa€ 51,64     
Quota giornaliera a persona€ 36,67     
Oltre i 20 giorni: quota fissa€ 206,58€ 206,58€ 206,58€ 206,58€ 206,58€ 206,58
Quota giornaliera a persona€ 27,89€ 1.115,60€ 1.673,40€ 2.510,10€ 5.020,20€ 10.179,85
VALORE DELLA FIDEIUSSIONE€ 1.322,18€ 1.879,98€ 2.716,68€ 5.226,78€ 10.386,43

Quale polizza scegliere tra la Fideiussione bancaria o assicurativa?

Per la fideiussione bancaria le banche di solito chiedono un importo in denaro pari al capitale garantito e in più’ aggiungono una commissione bancaria sul servizio effettuato immobilizzando risorse monetarie per l’intero periodo e inoltre la fideiussione  viene segnalata nella Centrale Rischi della Banca d’Italia.

L’emissione della polizza in banca per la richiesta di un visto richiede inoltre tempi lunghi e alcune banche non le rilasciano queste tipologie con esiti di risposta spesso  negativi.

Invece con la stipula di fideiussioni assicurative o finanziarie  prevedono solo il pagamento di un premio senza l’apertura di un conto bancario e senza versare alcun soldo.

Massimale per fare fideiussione bancaria visto turistico Cina noi la emettiamo subito al pagamento del premio e garantisce l’importo di euro 3.905,00 con validità da 1 a 90 giorni di permanenza in Italia o area Schengen con un importo superiore alla tabella che dovrebbe essere pari a euro 2716,68 per la durata di 90 giorni.

Come stabilito dal decreto legislativo del 25 luglio 1998 n. 286,la fideiussione e la polizza medica per visto turistico è uno dei documenti necessari ai fini della concessione del visto garantendo la disponibilità economica da parte del cittadino italiano o  extracomunitario di adeguate risorse finanziarie necessarie per il suo sostentamento economico durante il soggiorno in Italia come stabilita dalla Direttiva del Ministero dell’Interno del 01.03.2000.

L’assicurazione viaggi per stranieri che arrivano in Italia tramite visto di ingresso in Italia per turismo, affari, studio invece deve garantire euro 30.000,00 per rimborso spese mediche e avere sempre un’altra garanzia aggiuntiva chiamata ‘assistenza‘ che rappresenta una prestazione nel caso in cui l’assicurato venga a trovarsi in serie difficoltà a seguito di malattia o infortunio garantendo anche il rimpatrio organizzato della salma fino al luogo di inumazione del paese di residenza dell’assicurato . Attenzione che la polizza non rimborsa chi vorrebbe venire in Italia a curarsi malattie preesistenti nel paese di origine. Il costo della polizza varia in base al soggiorno in Italia.

Con la richiesta di visto turistico Italia che farete  acquistando entrambi le polizze fidejussione e assicurazione medica con la nostra agenzia al miglior preventivo di mercato vi garantiremo un periodo di soggiorno in Italia del vostro ospite senza problema di imprevisti .

La nostra agenzia offre fideiussioni e polizze medico/sanitarie anche per altre tipologie di visto: visto per lavoratore autonomo, visto per affari, visto per modelle, visto per gara sportiva e visto per studio e etc.

Se hai bisogno di sapere in base alla tua nazione l’elenco dei documenti e costi clicca sul seguente link: https://vistoturistico.eu/vistoincoming

Di quali Paesi si compone lo Spazio economico europeo

Quali Paesi fanno parte dello Spazio economico europeo

Lo Spazio economico europeo (SEE) è composto da questo elenco di nazioni:

Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Repubblica ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Islanda, Repubblica d’Irlanda, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Regno Unito.

Anche se l‘Islanda, il Liechtenstein e la Norvegia non sono membri dell’Unione europea (UE), i cittadini hanno gli stessi diritti dei cittadini dell’UE per entrare, vivere e lavorare nel Regno Unito.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi